Contributi INAIL 2012 per la sicurezza: come compilare le domande

11/01/2012
Autore: Ing. Andrea Ravanelli

Al via la seconda tranche di contributi erogati dall'INAIL a favore di tutte le imprese italiane interessate alla realizzazione di interventi in materia di prevenzione. Viene  pubblicato, in Gazzetta Ufficiale, il bando del regolamento per l'assegnazione dei finanziamenti mediante procedura valutativa a sportello (ai sensi del decreto legislativo n.123/98 e delle successive modifiche e integrazioni). Se nel 2010 l'Istituto aveva destinato 60 milioni di euro, per il 2011 sono a disposizione complessivamente 205 milioni di euro, ripartiti in budget regionali (la ripartizione delle risorse tiene conto del numero degli addetti e della gravità degli infortuni sul territorio). Nel complesso l'intervento, nel quadriennio 2011/2014, vedrà l'INAIL mettere a disposizione la cifra complessiva di circa 850 milioni.

 
Le aziende interessate e la copertura del contributo. Per quanto riguarda i contenuti del bando, il contributo dell'INAIL copre il 50% delle spese ammesse in relazione a ciascun progetto presentato dalle aziende, è in conto capitale e non può superare i 100mila euro. Il bando è rivolto a tutte le imprese - anche a quelle individuali - purché abbiano sede in Italia e siano iscritte alla Camera di commercio. Le imprese possono presentare un solo progetto, di un solo tipo, per una sola unità produttiva. Si possono presentare solo progetti di investimento o di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. 
L'invio telematico in quattro passaggi. L'invio telematico della domanda si articola in quattro passaggi da effettuare nell'area "punto cliente" del portale INAIL.
1) L'impresa accede via web a un modulo informativo e inserisce i dati anagrafici e quelli specifici relativi al progetto che presenta e per il quale chiede il contributo: le informazioni richieste riguardano i parametri in base ai quali viene effettuata l'attribuzione del punteggio.
2) Se il punteggio soglia complessivo viene superato, l'impresa richiedente può completare la compilazione, salvare la domanda e ricevere un codice che le consentirà, nel giorno fissato, di partecipare alla fase di invio.
3) Al ricevimento della domanda il sistema attribuisce un numero di protocollo e sul sito INAIL sarà pubblicato l'elenco delle domande inviate in ordine cronologico.
4) La documentazione dovrà essere trasmessa utilizzando la posta elettronica certificata (Pec) e, nei casi in cui è richiesta, la firma digitale. Le imprese che non dispongono di firma digitale possono inviare una copia dei loro documenti scansionati elettronicamente, provvedendo anche a inoltrare (a mano o per posta) la documentazione originale in formato cartaceo.
 
Il 7 marzo 2012 la chiusura della prima fase.  Per ognuna di queste fasi sono previsti tempi di apertura e chiusura dello sportello web. Le imprese possono utilizzare la procedura di presentazione della domanda online ed effettuare simulazioni fino al momento in cui vogliono procedere al consolidamento, che deve essere effettuato in ogni caso entro il 7 marzo 2012. Con il consolidamento, la procedura rilascia un ticket, cioè un codice che individua la domanda presentata dall'azienda in maniera univoca. Dopo il 7 marzo, sarà possibile conoscere con certezza il numero di domande che hanno superato la soglia di punteggio minimo e quindi il numero dei potenziali partecipanti su base territoriale. Sarà quindi possibile valutare l'opportunità di organizzare l'invio distribuendo il carico per regione o per gruppi di regioni. Il calendario stabilito per gli invii sarà pubblicato sul portale dell'INAIL a partire dal 14 marzo.
 
Ridotto il rischio di sovraccarico dei sistemi. Per l'invio vero e proprio della domanda l'impresa utilizzerà il ticket ricevuto al momento del consolidamento. L'invio sarà perciò limitato ai soli elementi identificativi della domanda, in modo da ridurre notevolmente il rischio di sovraccarico dei sistemi. Tutti gli utenti potranno inviare la domanda nel periodo di apertura dello sportello online, senza blocco a budget territoriale esaurito. Alla chiusura delle operazioni verranno elaborati i dati relativi alle domande inviate e sarà predisposto l'elenco per regione dei potenziali beneficiari in base al budget disponibile, ordinato cronologicamente. Ogni impresa sarà informata della propria posizione nell'elenco cronologico.
 
L'erogazione degli incentivi prevista dal Testo unico sulla sicurezza. L'erogazione di incentivi alle aziende per interventi in materia di sicurezza sul lavoro è un compito specifico attribuito all'INAIL dal nuovo Testo unico sulla sicurezza, il decreto legislativo 81/2008 modificato dal decreto legislativo 106/2009. Nello specifico, il Testo unico prevede che l'Istituto finanzi con risorse proprie e anche in sinergia con le parti sociali e le associazioni nazionali di tutela degli invalidi del lavoro, progetti di investimento e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro nelle micro, piccole e medie imprese, e progetti di sperimentazione di soluzioni innovative e di strumenti di natura organizzativa e gestionale ispirati ai principi di responsabilità sociale. Ciò ha consentito già nel 2010 uno stanziamento di 60 milioni di euro, che sarà incrementato fino a circa 850 milioni complessivi per il triennio 2011/2013.
 
Con la valutazione "a sportello" forte semplificazione ma garanzie intatte. Per erogare i finanziamenti, l'INAIL utilizza la cosiddetta procedura "valutativa a sportello", definita dal decreto legislativo 123/1998, che consente una forte semplificazione preservando tutte le garanzie necessarie. Questa procedura si applica a "progetti o programmi organici e complessi" e prevede che l'istruttoria proceda "secondo l'ordine cronologico di presentazione delle domande, nonché la definizione di soglie e condizioni minime, anche di natura quantitativa, connesse alle finalità dell'intervento e alle tipologie delle iniziative".
 
[Fonte: INAIL e Punto Sicuro]

CONTATTI

A.P. Group S.r.l.
medicina del lavoro e sicurezza
sui luoghi di lavoro
Vigevano (PV)
Via De Bussi, 7
Vigevano (PV)
Via Leonardo da Vinci, 11
Tel: 0381.82.304
Fax: 0381.82.383