Il lavoratore che non vuole vaccinarsi viene sospeso senza retribuzione

30/07/2021
Autore: Dott. Paolo Aceti

Come avevo già accennato in passato la soluzione più logica per chi non voleva vaccinarsi e continuare a lavborare era la sospensione dal lavoro senza retribuzione.

Lo ha stabilito lo scorso 23 Luglio il tribunale di Modena che ha posto come previsto il datore di lavoro come garante della salute e sicurezza dei lavoratori,  lo stesso datore  deve ai sensi del dgls 81/08 adottare tutte quelle misure atte a garantire l’integrità piscofisica dei lavoratori e la vaccinzione è una di queste.

Non bastano più le mascherine per proteggere l’integrità degli altri lavoratori dal virus, ma  il datore di lavoro ha comunque l’obbligo tramite il mc di informare sui rischi e benefici delle vaccinazioni.

Come previsto e come da me indicato nel precedente blog il punto cardine è che un lavoratore che non si sottopone a vaccinazione potrebbe non essere considerato idoneo alla mansione e come previsto dall’ 81/08, e se il lavoratore non può essere spostato in una mansione che non sia a contatto con gli altri lavoratori scatta la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione.

In sintesi i giudici hanno ritenuto come logico e prioritario tutelare la salute degli altri lavoratori piuttosto che garantire le libertà costituzionali del lavoratore di non vaccinarsi; in sintesi la salute dei colleghi di fronte ad un virus mortale è più importante delle proprie convinzioni.

Vivi e lavori in una comunità? Ti devi vaccinare , giusto logico e sacrosanto!

 

CONTATTI

A.P. Group S.r.l.
medicina del lavoro e sicurezza
sui luoghi di lavoro
Vigevano (PV)
Corso Genova 57/A
Tel: 0381.82.304
Fax: 0381.82.383