Un breve bilancio sul ruolo del medico competente verso la fine della pandemia


Autore: Dott. Paolo Aceti

 Che cosa ci hanno lasciato questi 15 mesi di pandemia?  Cosa è cambiato nel nostro rapporto con le aziende?

Io dividerei questo periodo in tre fasi differenti:

La prima: all’inizio del lockdown aziende terrorizzate centinaia di telefonate, non appena è saltato il tracciamento dei positivi siamo diventati la prima linea di lotta al covid e abbiamo finito per sostituirci al sistema sanitario nazionale. E’ stato un periodo davvero complicato quasi tutte le aziende erano il lockdown il nostro lavoro è diventato una centrale di ascolto e smistamento di problematiche covid

La seconda: che è coincisa con la gestione dei fragili e delle visite di fragilità, che ha praticamente occupato tutto il tempo dei medici della società; a torto o ragione ( il periodo coincide con la fine di aprile – inizio maggio) i lavoratori chiedevano di svolgere le loro attività in smart working e nel pubblico questo nuovo di lavorare si è diffuso fino a ben oltre il 90% del personale dipendente.

Una terza: che coincide con la ripresa dei contagi di ottobre in cui comunque le visite mediche in presenza si sono ricominciate a fare all’opposto un deciso regresso delle richieste di fragilità e un tentativo di molti di rientrare, nonostante l’attestazione di fragilità. In questa terza fase le chiusure sono sempre state limitate e direi che l’attività di sorveglianza sanitaria si è svolta in modo pressoché normale se escludiamo la parte accertamenti ( alcool test spiro ect) che obbligatoriamente si sono dovuti effettuare  in cartaceo.                       

CONTATTI

A.P. Group S.r.l.
medicina del lavoro e sicurezza
sui luoghi di lavoro
Vigevano (PV)
Corso Genova 57/A
Tel: 0381.82.304
Fax: 0381.82.383